PORTO SANTO STEFANO – MILLE E UNA VELA “UNIVERSITARIE”.

Mille e una vela per l’Università è un programma didattico e sportivo promosso dalla Facoltà di Architettura dell’Università Roma Tre con la collaborazione della Facoltà di Ingegneria, è una iniziativa ideata dai docenti Massimo Paperini, Paolo Procesi e Maurizio Ranzi.
Avviato nel 2005, prevede la progettazione delle barche sulla base di un Regolamento di classe e la successiva costruzione presso il Laboratorio Plastici della Facoltà di Architettura nell’ambito del programma Una vela per Roma Tre.
L’iniziativa è aperta a tutti i Paesi del Mediterraneo e prevede la realizzazione di prototipi di barche a vela da competizione di piccole dimensioni, progettate e costruite in ambito universitario con l’obiettivo principale di realizzare a fine anno accademico un incontro tra tutti gli Atenei coinvolti.
Alla prima sfida che si è svolta nel settembre 2007 hanno aderito cinque Università con otto barche e Cino Ricci è stato ospite d’onore della manifestazione insieme a Mauro Pelaschier testimonial dell’evento, rispettivamente skipper e timoniere di Azzurra nella prima sfida italiana in Coppa America
Nell’edizione 2009 si sono sfidati equipaggi appartenenti ad otto  atenei italiani tra i quali il Politecnico di Milano , La sapienza , Roma Tre, Universita’ di Trieste, La Spezia , Palermo , Messina , Padova  con quattordici diverse imbarcazioni . Era inoltre prevista la partecipazione di un ateneo statunitense in veste di spettatore e di uno francese che per problemi logistici  all’ultimo hanno dato forfait .
Tornando all’aspetto puramente sportivo, il trofeo e’ riservato ad imbarcazioni a vela  di tipo “skiff”, queste sono barche lunghe 4,60 metri   ad alto contenuto tecnico , sia per quanto riguarda la  conduzione sia per le scelte progettuali adottate ;
Queste derive sono caratterizzate da una vela molto grande in rapporto alle dimensioni dello scafo ,  da “terrazze” che permettono all’equipaggio di uscire fuoribordo nell’andatura di bolina per meglio contrastare la spinta che il vento esercita sulla enorme superficie velica e da una foggia della chiglia che consente di planare sull’acqua  e raggiungere quindi elevate velocità.
L’imbarcazione  di “Roma Tre” , battezzata UTOPIA,  e’ stata progettata dall’Architetto Massimo Paperini , professionista affermato nel mondo della nautica e titolare della cattedra di Architettura Navale presso Roma Tre.
La partecipazione al programma di chi scrive, , inizialmente era legata  soltanto all’aspetto  tecnico: quale studente della facoltà di ingegneria meccanica  ero infatti alla ricerca di un progetto interessante da sviluppare come tesi di laurea.
Successivamente si e’ presentata la necessità di “salire a bordo “ e vista la mia esperienza pregressa con imbarcazioni a vela, ho accettato di cimentarmi ( inizialmente con non poche difficoltà ) come timoniere con queste imbarcazioni decisamente estreme;  il resto lo ha fatto il nostro coach Rinaldo Vannini della Lega Navale Italiana delegazione di Trevignano, il quale ha ritenuto che avessi i requisiti e le capacità per far parte dell’equipaggio composta dall’altro timoniere Emilio Pennacchio e dal prodiere Dario Luzzi.
Partecipare a questa manifestazione e’ stata una esperienza che giudico  positiva sia sotto l’aspetto tecnico , ma soprattutto sotto quello umano.
Vedere tutti questi ragazzi impegnati al massimo lavorare fino a tarda sera per preparare le barche,  animati da uno spirito di collaborazione che spesso andava oltre le barriere dell’appartenere a team concorrenti fa piacere.
Ancora di piu’ sapere di essere stati , noi di “Roma Tre” , il collante che ha unito gli studenti del Nord con quelli del Sud contribuendo a stemperare eccessi di competizione.
Elemento cardine  del regolamento e’ che le imbarcazioni devono essere progettate e costruite dagli studenti delle singole università; questo aspetto e’ molto importante in quanto l’iniziativa costituisce una palestra che permette ai giovani di mettere in pratica ciò che si studia  nei corsi universitari e di partecipare attivamente ai progetti di ricerca e sviluppo non solo per quanto riguarda l’aspetto tecnico, ma in tutti i settori toccati dall’iniziativa .
Nell’ambito della manifestazione oltre a quelli sportivi, sono stati  assegnati premi relativi al design,  alla tecnica costruttiva piu’ innovativa , alla costruzione dei modelli in scala ridotta, ecc ecc
Ulteriore aspetto positivo e’ il fatto che questo programma permette di stabilire un nesso tra ricerca, didattica e mondo del lavoro, contribuendo a colmare  il gap che divide queste  realtà,  considerato che gli studenti di oggi hanno a che fare con le stesse  problematiche che poi ritroveranno sul posto di lavoro domani.
Per la stagione 2010 si stanno studiando migliorie al regolamento ed eventualmente, la possibilità di portare a tre il numero di eventi durante l’anno, magari aggiungendone uno al Nord e uno al Sud e …. magari anche uno sul Lago di Bracciano.

Stefano Di Carmine

Foto gentilmente concesse da Valeria Perna

 
[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/681/” title=”681″]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.